domenica 9 dicembre 2012

Crispelle-Crispeddi per tutti!


Per tutti quelli che ieri sono passati da qui, incuriositi da quello che Lou Palanca ha scritto in una pagina del suo nuovo romanzo: Blocco 52 e che Mafalda ha graficamente interpretato a meraviglia http://terraelibertacirano.blogspot.it/2012/12/8-dicembre-letteratura-fumetti-e.html
Il procedimento per le crispelle, crispeddi in calavrorum,  come si fanno in riva allo Stretto a casa Fotia-Calcagno da oltre novantanni.

Farina
Sciogliere il lievito in un pò di acqua calda

s'icomincia a impastare

Mani sapienti e braccia forti

Comincia a prendere forma la pasta

Batti...batti...batti di generazione in generazione.


Mentre la pasta lievita al  caldo di qualche coperta, si cominciano a preparare gli ingredienti: alici, miele, ricotta ognuno in famiglia ha i suoi gusti.

Pronti con la frittura...olio bollente...occhio!!!



frii ddocu...s'hannu a mangiari caddi caddi!!
Con il miele mescola molto.

dopo la alici, la ricotta!


15 commenti:

  1. Veramente interessante questo post ... per me, l'abbinamento miele ricotta è perfetto.

    RispondiElimina
  2. ah da voi sono queste le crespelle? Nella zona di Acri sono quelle in pasta dolce,stesa sottile e in forma di girelle spolverizzate di zucchero.

    Con l'impasto nelle tue foto noi facciamo i cullurielli, ciambelle di pasta lievitata fritta, ripiena con niente o con rosamarina.


    comunque indipendentemente dal nome...ne vorrei una, ancora non le abbiamo preparate quest'anno! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si quella è la versione cosentina....

      Elimina
  3. Le alici da noi si fanno per ultime,ma queste le avrei assaggiate lo stesso.Magico!

    RispondiElimina
  4. Che spettacolo caro Fabio, crispeddi spettacolari! Quante ne ho mangiate, sia dolci che salate. E pure caddi caddi, o anche caude caude come si dice al di là dello stretto un po' a sud della zona buddaci :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nica...quanta nostalgia per questi sapori....

      Elimina
  5. Sono venuto tante volte in Calabria e ho assaggiato tanti prodotti tipici, ma le crispelle mi mancano; devo rimediare.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  6. la versione con il miele mi è nuova, proporrò in cucina :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO...NON CI CREDO!! a SOLI TRENTA CHILOMETRI CAMBIA TUTTO!!

      Elimina
  7. fasi ridere, poi li chiami fratelli di blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao MAtteo, non ho la possibilità di commentare sul tuo blog, ma volevo dirti che i pezz sui Cohen e su Kubrick son un cult!

      Elimina
  8. Io non ho capito.. :( le alici o la ricotta si mettono dentro l'impasto prima di friggerlo? Io non vedo l'ora di venire in Calabria per assaggiarle, perché col cavolo che friggo a casa mia :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si esatto Elle l'ingrediente scelto si mette dentro alla pastella e poi si frigge. Ti aspettiamo in Calabria fritti e contenti!!

      Elimina

Openshop88

Openshop88