mercoledì 7 novembre 2012

Fascisti....almeno studiate!

Molte segnalazioni mi sono giunte in questi giorni da vari blogger amici sparsi un pò in tutta Italia. Il link in questione http://www.larivieraonline.com/Notizie.php?ID_News=10271 riporta  la cronaca di un incontro tenutosi a Reggio Calabria nelle settimane scorse; organizzato dalla Fiamma Tricolore, ha registrato la presenza in qualità di  relatore Adriano Tilgher.
Tema dell'incontro:  "DESTRA-MAFIA-REGGIO: la verità su un’infame menzogna”.
Nulla di nuovo sulla retorica retriva del reducismo post fascista, fino a quando il lettore non incappa in due dichiarazione dell'ospite d'onore:
- "La storia dei cinque anarchici che sono morti? Gli stessi anarchici che si incontrarono a Vibo Valentia con i nostri di Avanguardia la sera prima di partire per Roma dove dovevano andare a fare una manifestazione e non per portare importanti documenti. "
 "La strage di Gioia Tauro? Ci sono le perizie, ci sono le ordinanze, ci sono le sentenze, ci sta tutto che dice che è stato un incidente materiale."
Riporto il virgolettato perchè i fascisti, essendo i cani da guardia del capitale hanno pagato sempre buoni avvocati e di fronte alla giustizia terrena l'hanno fatta franca.
Andiamo con il primo punto:
Arresto durante la Rivolta di Reggio
- La sera prima della loro morte i cinque anarchici si recarono si a Vibo, ma non per incontrare gli avanguardisti, bensì i militanti calabresi della sinistra extraparlamentare ala circolo Salvemini, dove erano già attivi Franco Tassone e Mimì Luciano, che ho intervistato come testimoni della serata in occasione del mio libro. I fascisti al Salvemini li hanno visti solo in occasioni di assalti, scontri e devastazioni, non per riunioni o assemblee di sorta. 
Il tentativo subdolo di Tilgher è il solito: gli anarchici con il popolo, non con i popolo, ecco i nazimaoisti!! Il sillogismo poco aristotelico di Tilgher non tiene; è vero che gli anarchici reggini furono sulle barricate nei primi giorni della rivolta, ma se ne distaccarono allorquando i fascisti la indirizzarono strumentalmente solo sul capoluogo!
Tilgher evoca anche i morti per la causa del capoluogo, citando Labate, Campanella e Jaconis, per le storie di queste vittime  rimando al mio testo sulla Rivolta edito da Donzelli, nel quale con i documenti e le testimonianze si ricostruiscono le vite di questi innocenti uccisi, nessuno dei quali però mentre combatteva sulla strada, anzi caduti in circostanze casuali che esulavano dagli scontri.
Secondo punto:
- Il più clamoroso! Possibile che nessuno abbia suggerito a Tilgher e ai suoi camerati che su Gioia Tauro esiste una sentenza definitiva per "omicidio plurimo"!??!!
La sentenza emessa dal tribunale di Reggio Calabria il 23 gennaio del 2006 e quindi consultabile, recita: "Riqualificato il fatto come omicidio plurimo, così come subordinatamente richiesto dal P.G., dichiarare non luogo a procedere in ordine al reato stesso per intervenuta prescrizione."
La corte ha derubricato il reato, visto che l'unico imputato vivente era il pentito Lauro, ed eliminando il capo di imputazione di strage ha dichiarato il non luogo a procedere per la prescrizione, ma confermando che trattasi di omicidio plurimo!! I sei morti rimangono! 
Se non volete cambiare la vostra essenza razzista, xenofoba che ha giustificato e negato stragi, deportazioni e camere a gas, almeno leggete, studiate!!   

10 commenti:

  1. Bravo Fabio!

    Hai letto su Carmilla l'articolo su Rauti? Tanto per non dimenticare chi era questo tizio appena deceduto.

    RispondiElimina
  2. si ho letto e tra poco posterò il link. Grazie Andrea.

    RispondiElimina
  3. il link di cui parlava Andrea: http://www.carmillaonline.com/archives/2012/11/004513.html#004513
    Michele C.

    RispondiElimina
  4. Ogni volta che passo di qui, mi immergo in qualcosa che automaticamente mi porta a riflettere...non conoscevo questa storia, una storiaccia, ma che i fascisti dovrebbero studiare prima di aprire la bocca, beh quella è una certezza...vado ad approfondire...

    RispondiElimina
  5. Sempre all'erta, leggendoti. Bravo.

    Saluti,
    Nicola C.

    RispondiElimina
  6. Sempre all'erta, leggendoti. Bravo Fabio.

    Saluti,
    Nicola C.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nick vigiliamo, almeno per non far riscrivere la storia ai primi che passano.

      Elimina
  7. Bisogna mantenere sempre alta la guardia contro certi rigurgiti.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  8. L'arroganza dell'ignoranza!

    RispondiElimina
  9. il Fascismo oggi non ha ragione di esistere neanche come idea!

    RispondiElimina

Openshop88

Openshop88