domenica 21 ottobre 2012

Se 18 ore vi sembran poche.....



«Gli insegnanti, il cui orario settimanale è andato via via aumentando, sono diventati delle “macchine per vendere fiato”. Ma “la merce fiato” perde in qualità tutto ciò che guadagna in quantità. Chi ha vissuto nella scuola sa che non si può vendere impunemente fiato per 20 ore alla…settimana. La scuola a volerla fare sul serio logora. E se si supera una certa soglia nasce una “complicità dolorosa ma fatale tra insegnanti e studenti a far passare il tempo”. La scuola si trasforma in un ufficio, o in una caserma, col fine di tenere a bada per un certo numero di ore i giovani; perde ogni fine formativo». 


(Luigi Einaudi, Il Corriere della Sera, 21 aprile 1913).

14 commenti:

  1. La vita è un ciclo, la storia si ripete, non si smette mai di imparare, anzi non impareremo mai. Rifacciamo anche le classi da cento studenti, di tutte le età in un'unica aula, dai, così risparmiamo anche sul riscaldamento.

    RispondiElimina
  2. Il disprezzo della cultura e dell'uomo,questo sta facendo il governo dei tecnici... teniamolo bene a mente, quando finalmente andremo a votare.

    RispondiElimina
  3. E' il sistema, ormai non più tollerabile per la profonda mistificazione che lo contraddistingue, che va combattuto...la scuola, anch'essa un sistema, va combattuta nelle parti infette che, ahimè, ci sono, eccome se ci sono...Così, se si aumenterà l'orario di lavoro dei docenti, saranno i più deboli in quanto non inseriti nel sistema, ma i più forti in quanto a professionalità, cultura e senso del dovere, che pagheranno le conseguenze...

    RispondiElimina
  4. Stanno solo finendo di attuare "la bassa cucina" che a suo tempo ha illustrato Calamandrei, purtroppo Fabio, se oggi vai a chiedere anche a molti tuoi colleghi se conoscono pella pagina, rischi di sentirti chiedere "chi era Calamandrei"?

    Non mi spaventano i politici non politici, mi sta spaventando la stasi e l'ignavia della massa e tra la massa mettici un buon numero di insegnanti di lungo corso.

    La scuola e il corpo insegnanti hanno cominciato a perdere colpi quando hanno cominciato a levare materie come il latino e educazione civica...

    Credo che l'innalzamento dell'età dell'obbligo scolastico a danno dell'apprendistato stia presentando il conto e lo presenta proprio a voi che entrate in aula ad affrontare quotidianamente un numero sempre crescente di alunni e credo che, il 40% non capisca nemmeno perchè è obbligato a restare in aula...

    Forse serve cominciare a mostrare i denti Fabio.

    Notte buona Prof ;-))

    RispondiElimina
  5. hai ragione su molti miei colleghi....lottiamo senza sosta.

    RispondiElimina
  6. non ci ha mai considerato nessuno, speriamo che ora ,dopo questa ennesima provocazione del governo i tempi siano maturi per una violenta ribellione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se siamo uniti, oltre un milione, possiamo smuovere le montagne.

      Elimina
  7. Non si può nemmeno dire che è la storia che si ripete, stanno proprio portando avanti un lavoro di distruzione iniziato decenni fa.

    RispondiElimina
  8. Sono docente di scuola Dell infanzia e il nostro orario settimanale e di 25 ore....lo stipendio e piu basso rispetto ai docenti di ogni ordine e grado....vorrei sentire su questo la vostra opinione, con tutto il rispetto per la vicenda che sta interessando i docenti sulle 24 ore....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si parte dall'orario di lavoro, per noi tra l'altro si tratterebbe di lavoro non retribuito e quindi anticostituzionale.
      Per arrivare all'adeguamento dei salari di tutti i lavoratori del comparto scuola alle medi europee. Ma solo se ci muoviamo uniti!!!

      Elimina
  9. questi professori però, friescono a far lavorare anche quegli eterni sfaticati dei nostri professori. Un plauso al governo Monti... non è come quelle di un operaio 40 ore a settimana ma almeno 24 sono di più di 18... per non parlare delle vacanze estive!

    RispondiElimina
  10. Ciao Fabio, quello dei professori che non fanno un cavolo è una delle stupidaggini più grandi che uno possa pensare e purtroppo spesso gli stessi genitori, cittadini, etc sostengono. Strano perchè significa che mai una volta uno che è andato a scuola si è interrogato su quello che facevano i professori. Ore di insegnamento, colloqui, lavoro a casa, correggere i compiti, assemblee, preparare le lezioni, seguire gli studenti. Io ho lavorato in fabbrica, sulla catena di montaggio ma non ho mai pensato che un professore non facesse nulla. E anche citare i casi di professori fannulloni non serve a nulla, perchè vuol dire inginocchiarsi alle solite discussioni senza senso.
    Dimenticandoci dell'importanza fondamentale degli insegnanti nella crescita e formazione di uno studente.

    Tutto questo si merita poi a quell'altra grande stupidaggine del discorso sul merito che è un'altra di quelle parole utilizzate a vanvera.

    Poi vabbè, io che sono un maestro mancato questa cosa mi sta molto a cuore.

    ciao

    RispondiElimina
  11. Aggiungolo una seconda cosa: come se ci fosse qualcosa di meritevole nel lavorare di più, perchè poi ci sono anche queste cose "ah, ma io lavoro 40 ore, ma io faccio gli straordinari," eccetera...lasciamo stare...

    RispondiElimina
  12. Ciao Fabio, quello dei professori che non fanno un cavolo è una delle stupidaggini più grandi che uno possa pensare e purtroppo spesso sostengono anche gli stessi genitori, cittadini, studenti, politici, eccetera. Davvero strano perchè significa che mai una volta un ex studente su quello che facevano i professori. Ore di insegnamento, colloqui, lavoro a casa, correggere i compiti, assemblee, preparare le lezioni, seguire gli studenti. Io ho lavorato in fabbrica, sulla catena di montaggio ma non ho mai pensato che un professore non facesse nulla nella sua vita. E anche citare i casi di professori fannulloni a cosa serve? Ovvio che esistano come in tutte le altre categorie perchè vuol dire inginocchiarsi alle solite discussioni senza senso.
    E intanto ci si dimentica dell'importanza fondamentale degli insegnanti nella crescita e formazione di uno studente.

    Tutto questo va di pari passo poi cinqe quell'altra grande stupidaggine del discorso sul merito che è un'altra di quelle parole utilizzate a vanvera.

    Poi vabbè, io che sono un maestro mancato questa cosa mi sta molto a cuore.

    (ho riscritto il commento di prima perchè non avevo riletto complice un pc/collegamento preistorico lentissimo e che va in palla ogni due secondi)

    RispondiElimina

Openshop88

Openshop88