venerdì 1 luglio 2011

Il prossimo anno scolastico. Tre numeri da non dimenticare!

Chi mi conosce sa che non amo la matematica ed in genere i numeri, allora  mi fermo al 3, il numero perfetto; ecco tre numeri da non dimenticare, tre numeri a futura memoria, tre numeri che non potrete giocare al lotto:

- 65.000 le assunzioni promesse nel comparto scuola e tagliate dall'ultima manovra.
- 2 saranno i ragazzi disabili che dovrà seguire un solo insegnante di sostegno.
- 1000 gli studenti che devono raggiungere le scuole (dell'infanzia, primaria e media di primo grado) per non essere trasformati in Istituto comprensivo.

Senza parlare del blocco degli stipendi fino al 2014 e del rinnovo del finanziamento alle spedizioni di guerra nelle quali siamo impegnati da anni.
Grazie Tremonti...e grazie anche alla Gelmini, già la Gelmini quella che fuggiva e fugge sempre di fronte alle domande:

video

14 commenti:

  1. Morte della scuola, caro Cirano. Il baraccone degli orrori di questo governo sembra non accorgersi dello sfacelo umano che impone ai nostri ragazzi.

    RispondiElimina
  2. Che soddisfazione però... Per avere riconosciuto il proprio merito è dovuta venire a fare esami a Reggio! Così ha sfatato il luogo comune nordista secondo il quale al Sud vanno avanti solo i raccomandati... A volte mi chiedo cosa diranno dell'Italia berlusconiana gli storici del futuro e se qualche sopravvissuto almeno arrossirà

    RispondiElimina
  3. Che situazione pessima sta vivendo la nostra Italia :-/ tagli, tagli e tagli, licenziamenti, disoccupazione...... non ho più parole!

    RispondiElimina
  4. Una scuola migliore significa avere generazioni future migliori, forse è di questo che hanno paura i mediocri.....

    RispondiElimina
  5. visto che sei dentro il mondo della scuola vorrei farti una domanda tecnica, ne sai qualcosa dei tirocini formativi per l'abilitazione all'insegnamento (e relativo concorso)? da mesi cerco notizie ma non trovo nulla neanche nel sito del ministero...se ne sai qualcosa ti prego dammi una dritta perché ci sto impazzendo..

    RispondiElimina
  6. E' così come dici. Se fosse solo stringere la cinghia il problema, come bravi figlioli, ci rimboccheremmo tutti le maniche affrontando ogni sacrificio purché la scuola non affondi. E' che mirano ad appiattire e annullare il futuro dei nostri figli, e ad essi dovremmo dire: Studiate, altrimenti potrebbe capitarvi di diventare ministro della Pubblica Istruzione.

    RispondiElimina
  7. Ci vorrebbe una Finanziaria come quella di Sbilanciamoci. A questo proposito vi invito a leggere l'articolo di Guglielmo Ragozzino su il manifesto di venerdì, cliccando qui

    RispondiElimina
  8. Grazie del suggerimento Alligatore; si potrebbe cominciare a risparmiare tagliando le missioni di guerra con i doppio effetto di risparmiare danaro pubblico e vite umane.....

    RispondiElimina
  9. Da me c'era un ragazzo con problemi psichici e controllarlo in certi momenti era dura, immagino che difficoltà ora per i prof di sostegno!

    RispondiElimina
  10. Ancora tagli alla scuola;bisogna dire basta a questo governo.Segnalo il tuo post nel mio blog;saluti a presto

    RispondiElimina
  11. grazie cavaliere....una scuola migliore crea un paese migliore....ecco perchè siamo combinati così....

    RispondiElimina
  12. Lo scempio continua, il governo continua a tagliare qua e là senza nessuna direttiva che non sia quella di fare un po' di soldi e la scuola, l'università la ricerca sono i "tagli" preferiti,
    anche se la cultura non si mangia. E poi meglio ridurre al minimo questi covi dove ai ragazzi potrebbero, addirittura, insegnare a pensare.
    grazie e a presto

    RispondiElimina
  13. Voglio uccidere definitivamente la cultura :(.

    RispondiElimina

Openshop88

Openshop88