giovedì 21 aprile 2011

Tormentoni calabri per le elezioni.

Puntuali come un'allergia di primavera ritornano le elezioni e i loro tormentoni che segnano ogni campagna elettorale.
A Reggio Calabria, un città di provincia del Sud Italia, gli ipse dixit seguono il ritmo sincopato di un be-bop che tanto piacque a Kerouac.
Qui di seguito alcune di queste gemme, con relative traduzioni letterali in italiano, che spesso non ne rendono il senso perchè idiomatiche.

- "Vota pi mia!" (Vota per me! L'imperativo è d'uopo quando l'invito è una minaccia)

- "Si 'nchianu ti sistemu" (Se salgo, ovvero se vengo eletto,  ti sistemo..... lavorativamente)

- " U votu picchi è 'namicu!" (Lo voto perchè è un amico)

- "U voti picchi è 'nammicu i l'amici" (Lo voto perchè è un amico di tutti...o un amico di quelli che contano)

- "A stu giru spaccu!" (Frase propiziatoria di un candidato che spera di avere numerosi consensi)

- "Stavota c'ia potimu fari!" (Stavolta ce la possiamo fare...ovvero yes we can!)

- "Se nesciu bonu ra città....!!!" (Se esco con buoni voti dal centro città...vinco!)

- "E' petri petri" (E' pietre pietre. Si dice del candidato in difficoltà che non riesce a raccogliere consenso)

- "Si magiaru a GesuCristu cu tutt'a barba" (Si sono mangiati a Gesù il Cristo con tutta la barba. Elettore qualuntiquista che reputa tutti i politici ladri e speculatori....e ha ragione!)

- "Sta jendu forti!" (Sta andando forte. Riferito al candidato che raccoglie molti voti.)

- "Comu sta caminandu???" (Come sta camminando? Ovvero come sta andando un candidato in campagna elettorale)

- "U cafè è pavatu!!" (Il caffè è pagato!!" E' consuetudine che i candidati che incendono tronfi lungo la via pricipale della città offrano caffè ai potenziali elettori)

- "Jeu ci ricu si a tutti!" (Io dico si a tutti! Elettore che per accontentare tutti i candidati insistenti dice si  a tutti)
" Datti paci chi 'nta sta zona ma viu jeu!!" (Il mafiosetto al candidato: Datti pace che in questa zona me la vedo io)

9 commenti:

  1. AHAHAH il glossario elettorale è troppo simpatico!!

    RispondiElimina
  2. E meno male che hai messo la traduzione :)))
    Ciao!
    Lara

    RispondiElimina
  3. la traduzione è d'obbligo ma credo che un pò in tutta Italia ricorrano espressioni gergali di questo tenore..se volete postatele pure....

    RispondiElimina
  4. per non negare il voto a nessuno: 'nta famigghia simu tanti, i voti i spartimu, unu nc'è puru pe tia... (siamo in tanti a votare nella mia famiglia, dividiamo i voti tra più candidati, uno andrà a te)

    RispondiElimina
  5. Ma sai Cirano che a Bologna non ci sono scritte in dialetto? Non so perché, ma mi sembra che qui non si usi per la propaganda politica. Forse sarebbe una propaganda più simpatica!
    Lara

    RispondiElimina
  6. Ma sai Cirano che a Bologna non ci sono scritte in dialetto? Non so perché, ma mi sembra che qui non si usi per la propaganda politica. Forse sarebbe una propaganda più simpatica!
    Lara

    RispondiElimina
  7. Caro Fabio ti sei dimenticato di
    quest:
    " Tu a cu porti?"
    "Cumpari a st'elezioni siti mpegnatu?"

    RispondiElimina
  8. ottimo Sandro; con traduzione per che ci legge oltre lo stretto.
    A chi porti? Nel senso a chi sostieni!
    e: "Compare a queste elezioni siete impegnato?" che non ha bisogno di traduzione.

    RispondiElimina
  9. ahahahaha! :))))
    troppo simpatico...

    RispondiElimina

Openshop88

Openshop88