lunedì 28 febbraio 2011

L'Inferno della Scuola Pubblica è solo quello della Divina Commedia.

In molti pensano che la scuola italiana oggi sia un inferno, un luogo invivibile; fà notizia solo quando accadono degli eventi clamorosi, la maggior parte legati agli errori dei docenti. Le buone notizie non trovano spazio nei media italiani, provo a raccontarvene una.
Arrivi a scuola dopo ore di Salerno-Reggio Calabria e ti trovi di fronte lo spettacolo della gioventù, che come ogni mattina ti sorprende, ti solleva, ti dà carica e motivazione. La classe è stata trasformata in un girone infernale a mia insaputa. Paolo e Francesca, Dante e Farinata si materializzano davanti  ai miei occhi, i versi della Commedia riecheggiano con l'inconfodibile accento del "calavrorum"......forse l'inferno, quello vero, è in altri palazzi!!!







5 commenti:

  1. la nostra scuola statale (così come la nostra sanità) sarebbe migliore che in molti altri paesi europei se solo... chi è "allo Stato" non facesse di tutto per togliere fondi da dare ad incompetenti: in fondo lo spot del premier (che crede che, pagando, le famiglie possano far dire agli insegnanti quello che vogliono) era solo teso a favorire i privati!
    p.s.: ma, governanti simili, si possono definire un po' sovversivi?

    RispondiElimina
  2. Ciao Cirano, sono d'accordo con Angie.
    In aggiunta, non credo che tutti gli insegnanti siano uguali o, come te :)
    Buona giornata!
    Lara

    RispondiElimina
  3. “E’ la scuola a detenere la chiave dei sogni in un mondo senza
    sogni”(Raoul Vaneigem)

    ...aggiungerei solo quella pubblica; nella privata, che conosciamo bene, persino in quella d'élite, esistono troppe compro- ed intro-missioni...
    Ciao Alessandra

    RispondiElimina
  4. berlusconi dice quello ovviamente solo perchè poi possa continuare a fare bunga bunga con le minorenni sotto la cupola di san pietro...

    ...ma da post come questo traiamo speranza per il futuro...

    complimenti a prof e alunni!!!

    RispondiElimina
  5. Tanti complimenti ! Che bella iniziativa! Sono in cose come queste che riese la speranza di un futuri diverso!

    RispondiElimina

Openshop88

Openshop88