mercoledì 12 gennaio 2011

W LAMERICA!!!! NO AL PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA!!!

"Servirà a poco senza massicci investimenti in strade e infrastrutture in Sicilia e Calabria. E la Mafia potrebbe essere la prima beneficiaria di questa opera, di cui si parla da decenni. Il Ponte potrebbe essere una miniera d'oro per la criminalità!"
firmato: 


J. Patrick Truhn, console generale Usa a Napoli.


2 commenti:

  1. il Ponte è commisurato a magnitudo 7,1 Richter... e se venisse un terremoto più forte? e il maremoto? (che avvenne proprio tra Reggio e Messina): non basterebbero certo 6 miliardi (senza contare che si dovrebbe spenderli per ben altro, su quel territorio, appunto);
    e che peso dovranno avere i piloni, per contrastare le correnti? senza mettere in conto le frane con gli smottamenti degli scavi: progettisti che non tengono in nessun conto i geologi...
    solo perché c'è chi si crede napoleone: pazzi!

    RispondiElimina
  2. Non è stato facile risalire dalla tua immagine su "Cassetti" al tuo blog..Ad ogni modo ti ringrazio per esserti iscritto, e,visti gli argomenti che tratti, capisco anche perche'. Il tuo blog è ben fatto, molto interessante e sarò lieto e onorato di far parte delle varie discussioni..
    Detto questo, inutile dire che sono pienamente d'accordo sulla tua posizione che sottoscrivo in pieno. Quest'opera è farà "tanto bene" alle tasche di a chi la realizzerà ed a chi la promuoverà.
    Il resto è devastazione...
    Volevo solo precisare una paio di cose su quello che dice angie. Pienamente d'accordo e sottoscrivo quello dice sul grado del terremoto di progetto ed anche riguardo alle attenzioni dal punto di vista geologico-geotecnico. Quella zona oltre ad alta pericolosità sismica, presenta gravi problemi dal punto di idrogeologico e l'abbiamo visto..Riguardo ai progettisti che non tengono in nessun conto i geologi invece mi sento dire che è una frase buttata un po' così..C'e una normativa nuova (NTC 2008 - Circ. 2/2/2009) molto severa che ha cambiato in maniera incisiva il modo di progettare in zona sismica attribuendo fondamentale importanza all'aspetto geologico - geotecnico..Le fondazioni..
    Fra l'altro, l'ingegnere, all'atto della presentazione dei documenti al genio civile, firma una dichiarazione congiunta con il geologo, quindi è corresponsabile delle scelte di quest'ultimo e le deve condividere...Su queste cose non si scherza più..
    Mi scuso se mi sono dilungato su quest'aspetto..
    Grazie di nuovo.

    RispondiElimina

Openshop88

Openshop88